domenica 26 gennaio 2014

Ludovico Euffreducci

Ludovico Euffreducci, nato a Fermo nel 1497, da Tommaso e Celanzia degli Oddi, era il nipote di Liverotto. Nel 1503 dopo la morte di quest’ultimo, lasciò Fermo per Perugia, dove, una volta cresciuto, entrò a far parte delle milizie di Giampaolo Baglioni, signore della città.

Nel 1513, morto papa Giulio II, Ludovico Euffreducci, chiese ai Fermani di poter rientrare in città, cosa che poté fare solo dopo l’elezione di papa Leone X, che aveva servito come paggio da adolescente. Subito i Fermani abolirono ogni confisca comminata alla sua famiglia. Nel 1514 accompagnò Giuliano de’ Medici presso Luigi XIII, re di Francia. L’anno dopo tornò a Fermo.
Nel 1517, armate nemiche, dopo aver sconfitto Ludovico Euffreducci a Chiaravalle, entravano in città devastandola. Tra i cittadini, qualcuno pensò che, per prendere la tirannia su Fermo, la battaglia era stata persa apposto. Ludovico Euffreducci, dichiarato nemico pubblico dai Fermani, morì nel 1520 durante uno scontro con le truppe pontificie di Niccolò Bonafede, vescovo di Chiusi.