venerdì 16 giugno 2017

Un perduta tavola fermana di Francesco di Gentile da Fabriano


Nella cattedrale dell'Assunta di Fermo era conservata una tavola rappresentante la Visitazione riferita a Francesco di Gentile da Fabriano. L'ultima volta ch'era stata vista in città, dov'è conservata una copia e un disegno, era collocata presso la chiesa dei Domenicani (Crowe e Cavalcaselle (1)). 


Da un contributo del 1921 di Catharine W. Pierce (2), sappiamo che la nostra tavola era collocata nel castello Bracciano. Pubblichiamo la foto tratta dal contribuito della studiosa. Già Sandra Di Provvido nel 2006 ricordava come la tavola era stata segnalata dal Berenson presso il castello di Bracciano. Scrive la studiosa: "[il dipinto] passò poi in casa De Minicis e fu riprodotto da Pacifico Mori [pittore fermano, poi trasferitosi a Roma] in un disegno, segnalato da Luigi Dania, conservato nella biblioteca comunale di Fermo [dove tuttora si trova]" (3).

mercoledì 26 aprile 2017

Il Ricamatore, corsaro maomettano fermano

Nel 1566 venne ucciso nei pressi della spiaggia di Civitanova, dopo essere stato catturato dall’ammiraglio veneziano Ermolao Barbaro, il corsaro detto Il Ricamatore: un fermano della famiglia Raccamadori, passato dalla parte dei Turchi. 

sabato 18 febbraio 2017

Gli affreschi nell'ex convento dell'Annunciata, Uffici Asur, già Ospedale psichiatrico di Fermo.


Nell'ex convento dell'Annunciata, dove adesso sono gli uffici dell'Asur Area Vasta 4 Fermo, in una parete del vecchio chiostro, restano alcuni affreschi frammentari, che facevano parte di un ciclo rappresentante le Storie di sant'Antonio di Padova