lunedì 10 marzo 2014

Il Razionale dell’arcivescovo Alessandro Borgia nel Museo diocesano di Fermo

Nel Museo diocesano di Fermo è esposto il Razionale dell’arcivescovo Alessandro Borgia, in metallo dorato, uscito da una bottega d'oreficeria marchigiana. 

Nel recto sono incastonate sessantacinque gemme colorate intorno a tre più grandi con le scritte doctrina / et veritas, che rappresentano i sessantacinque comuni della arcidiocesi di Fermo. Nel verso, intorno alla scritta firmum, sono incisi tutti i nomi dei comuni della arcidiocesi di Fermo. L’iscrizione dedicatoria recita: alexander borgia archiep(iscop)us et p(ri)nceps firmanus anno mdccxxxviii archiep(iscopatus) sui xiv - rationale iudicy et memoriale populi coram domino. 
Di manifattura marchigiana è l’astuccio del razionale, in marocchino rosso impresso in oro con lo stemma dell’arcivescovo di Fermo Alessandro Borgia (Velletri, 1682 – Fermo,  1764).

Il razionale era un placca d'arte orafa portata dai presuli sul petto, sopra gli abiti liturgici. Stando all'Antico testamento era usato dal sommo sacerdote per quando entrava nel Tempio. Posto anche questo sul petto, era decorato da dodici pietre preziose, tante quante erano le tribù d'Israele.

Nessun commento:

Posta un commento