lunedì 23 febbraio 2015

Elenco dei governatori fermani dal 1550 al 1802


«Alli 6 de febbraro [1550] fu creato Papa Giulio terzo de’ Monti che la città ci mandò a rendere obedienza […], e perché dal Vece Legato s’era rappresentato [si era mostrato] che la città avesse fatte cose grande contro la sede apostolica e la città volendo difendersi fu ordinato per comissario [commissario] il Vescovo di Nepi quale se ne venne a dì 10 di marzo a Macerata e pigliò l’informazione, e la città ci mandò cittadini, poi a Loreto e poi se mise per le nostre Castelle ad esaminare, e d’aprile fece sospendere lo Stato e l’intrate della città, e lui a dì 3 maggio venne nella città e alloggiò in vescovato e lui reggeva la città e Stato, che il vescovo di Pesaro fu chiamato dal Papa nella sua assunzione e se formò il processo, quale perché ci stava interessate quasi tutte le famiglie della città, fu resultato in Consegno [Consiglio] di chiamare  un Governatore di casa de Monti». Annali d’autore anonimo cit., p 135. Per l’elenco dei governatori di Fermo mi sono attenuto a quello redatto in Christoph Weber (a cura di), Legati e governatori dello Stato pontificio (1550-1809), (Pubblicazioni degli Archivi di Stato, Sussidi 7), Ministero per i Beni culturali e ambientali Ufficio centrale per i Beni archivistici, Roma 1994, pp. 240-248, al quale rimando, che riprende in parte la lista già pubblicata nella Guida del Curi (utilizzando le stesse fonti). 

Tuttavia, per i primi anni da integrare con gli Annali d’autore anonimo cit., le uniche indicazioni bibliografiche tra parentesi nella lista. In neretto i governatori: Giovanni Battista Ciocchi del Monte, nipote di Giulio III, (1550) / luogotenente: Paolo Ranuccio (1550) (Ibid., p. 136) – Baldovino Ciocchi del Monte, padre del precedente (1552) (Ibid., pp. 136-137) – Luigi Ardinghelli (1555), vescovo di Fossombrone – cardinale Carlo Caraffa, nipote di Paolo IV (1555) / luogotenente: dottore Sebastiano Rutiloni da Tolentino (1555) – Romolo Valenti da Trevi (1556) – Cesare Brancaccio (1558) – Druso Forlano da Magliano di Sabina (1559) – cardinale Taddeo Gaddi (1560) / vicereggente: dottore Benedetto Marcilli da Cagli (1560) – cardinale Marco Sittico Altemps (1561) / luogotenenti: Banesio Bandorsij da Cortona (1562) – Lancellotto Lancellotti (1562) - Giovanni Salvatori della Terra da Calvi (1565) – Priamo Pettinaro d’Alessandria (1566) / uditore del governatore: dottore Giuseppe Lodovici d’Assisi (1566) – Trivulzio Gualtieri (1567) – Agostino Palloni citadino romano (1568)– Giovanni Pietro Ghislieri (1569) – Ludovico Taverna (1570) – dottore Candido Zitelli da Norcia (1572)Ottaviano Santacroce (1573) – Giacomo Boncompagni bolognese (1576-1585) / luogotenenti: dottore Orazio Benedetti da Cagli (1576) – dottore Giovanni Maria Brugnoli (1577) – dottore Dionisio Ratta bolognese (1577) – dottore Sartorio Petrucci d’Amelia (1578)  – Giovanni Battista della Volta bolognese (1580) - dottore Orazio Benedetti da Cagli (1582)  - Marsilio Landriani milanese (1583) – Orazio Marziani (1584)   Boncompagno Boncompagni, fratello di Gregorio XIII (1585) / vicegovernatore: Valerio Ringhieri bolognese (1585) – cardinale Alessandro Peretti, pronipote di Sisto V (1586) / vicegovernatori: Ottaviano Bandini fiorentino (1586) – Achille Sergardi (1587 circa) – Pietro Francesco Montorij romano (1588) – Giacomo Severoli (1589)  – marchese Michele Peretti, pronipote di Sisto V (1589) / vicegovernatore:  Giacomo Severoli (1589) – cardinal Paolo Camillo Sfondrati, nipote di Gregorio XIV (1591) / vicegovernatore: Piergiorgio Odescalchi da Como (1591) – Orazio Capponi, fiorentino (1592 ) – Giovanni Alberti, vescovo di Cortona (1592) – Gentile Delfini (1594) – cardinale Pietro Aldobrandini, nipote di Clemente VIII (1595-1598 /1600-1603 / 1605) vicegovernatori:  Domenico Ginnasi, vescovo di Manfredonia (1595) – Ferdinando Taverna (Milano, 1558 – Novara, 1619) (1596) –Girolamo Agucchi (Bologna, 1555 – Roma, 1605) (1596) - Fabrizio Verospi (Roma, 1571 – Ivi, 1639) (1597) – Innocenzo Del Bufalo-Cancellieri (Roma, 1565 o 1566 – Roma, 1610) (1598) – Domenico de’ Marini (1601) – Giovanni Francesco Guidi di Bagno (Firenze o Rimini, 1578 – Roma, 1641) (1603-1606) – cardinale Scipione Borghese (1606) / vicegovernatori: Giovanni Francesco Guidi di Bagno (Firenze o Rimini, 1578 – Roma, 1641) (1606) – Giovanni Francesco Serbelloni (1606) – Filippo Filonardi (1582 – 1622), vescovo di Aquino (1609) – Giovanni Francesco Guidi di Bagno (1610-1611) – Francesco Nappi anconetano (1611-1614) – Prospero Caffarelli (1615-1617 circa) – Tiberio Cenci (1618) – Mario Bonaventura romano (1620) – cardinale Ludovico Ludovisi, nipote di Gregorii XIV (1621) / vicegovernatori: Francesco Boncompagno bolognese (1621) – Ottavio Ridolfi, vescovo di Ariano Irpino (1621) – Pier Luigi Caraffa (1622-1623) – Francesco Barberini, nipote di Urbano VIII (1623) / vicegovernatori: Ottavio Rivarola genovese (1624-I627) – Francesco Cesi (1627) – Pietro Carpegna (1628) – Scipione d’Elci (1628) – Enea Vaini (1631-1632) – Giovanni Battista Sfondrati (1633-1634) – Andrea Conti (1634-1638) – Carlo Gessi (1638-1641) – Pietro Vidoni (1641-1644) – Federigo Borromeo (1644) – Camillo Pamphili, nipote di Innocenzo X, 1644 / vicegovernatore: Uberto Maria Visconti (1644-1648) – Lorenzo Imperiali (1648) commissario – Giuseppe Maria Sanfelice (1648) – Francesco Caetani 1649 – Filippo Cesarini 1651 – Principe Camillo Pamphili (dimissa cardinalis dignitate) 1651 – vicegovernatore: - Filippo Cesarini (1651)–  Bernardino Rocci 1654– Flavio Chigi, nipote di Alessandro VII, (1656) / vicegovernatori: Bernardino Rocci 1656 -  Francesco Cennini senese 1657 - Giacomo Tassi romano (1659) – Agostino Premoli da Crema (1661) – Lorenzo Trotti 1664 - Opizio Pallavicini 1666 – Giacomo Rospigliosi, nipote di Clemente IX (1668) / vicegovernatore:  Domenico Maria Corsi fiorentino (1668) – Giulio Gabrielli, governatore (1670)–  vicegovernatori: Francesco Filicaja (1670) – Vittorio Agostino Ripa (1673) – cardinale Alderano Cibo, prefetto della Congregazione fermana (1676) / vicegovernatori:  Vittorio Agostino Ripa (1679) – Nicola Grimaldi (1680) – Tommaso Vidoni (1685) – Giorgio Barni (1686) – Lorenzo Gherardi (1687) – cardinale Pietro Ottoboni, pronipote di Alessandro VIII (1689) / vicegovernatori: Giacomo Boncompagni (1689) – Francesco Maurizio Gontieri (1690) – Fabrizio Spada, prefetto delle Congregazione fermana (1692) / vicegovernatori: Francesco Maurizio Gontieri (1692) – Camillo Cellesi (1695) – Francesco Foscari veneziano (1701) – Girolamo Mattei (1705) – Antonio Vidman (1706) – Giacinto Pilastri (1709) – Pier Lorenzo Gallarati da Novara (1710) – Giovanni Francesco Leonini (1715) – Pietro Paolo Testa (1717) – Ercole Michele d’Aragona (1719) – Cosimo Imperiali (1721) – Alessandro Maruscelli fiorentino (1725) – Carlo Francesco Durini (1730) – Rizzardo Isolani (1732) – Nicola Spinelli (1735) – Angelo Locatelli Martorelli Orsini (1735) – Carlo Gonzaga (1741) – Ippolito Rasponi (1743) – Antonio Ripanti (1751) – Benedetto de Lo Presti (1760) – Giovanni Battista Baldassini (1764) – Giovanni Battista d’Aragona (1765) – Giovanni Battista Mirelli (1766) – Giacomo Filomarino (1775) –Girolamo della Porta (1776) – Giovanni Francesco Arrigoni (1778) – Ferdinando Fantuzzi (178I) – Mariano d’Aquino (1783) – Stefano Riva (1785) – Serafini Teatini da Fermo (1789) vicegerente interno – Tommaso Arezzo (1790) – Domenico Campanari (1793) – Innico Didaco Caracciolo (1794) – Roberto Roberti (1795) – Andrea Minucci, arcivescovo di Fermo (1797) – Repubblica Romana (1798-99) – Carlo Pariani, governatore provvisorio (1801) – Francesco Marazzani (1802).

Nessun commento:

Posta un commento