sabato 18 febbraio 2017

Gli affreschi nell'ex convento dell'Annunciata, Uffici Asur, già Ospedale psichiatrico di Fermo.


Nell'ex convento dell'Annunciata, dove adesso sono gli uffici dell'Asur Area Vasta 4 Fermo, in una parete del vecchio chiostro, restano alcuni affreschi frammentari, che facevano parte di un ciclo rappresentante le Storie di sant'Antonio di Padova

Tra questi ne riconosciamo uno con un bambino con nelle mani due sfere, plausibilmente è la scena rappresentante la Resurrezione di Tommasino. ‪Stando alla tradizione, Tommasino, di neanche due anni, venne lasciato dalla madre a giocare da solo in casa. Quando la madre tornò lo trovò morto affogato in un mastello d’acqua. In preda alla disperazione chiese l'aiuto di sant'Antonio di Padova, promettente che in cambio della resurrezione del piccolo di donare ai poveri tanto pane quanto il peso del bambino. Il santo, udite le accorate preghiere, esaudì presto la supplica.

Nessun commento:

Posta un commento