mercoledì 30 aprile 2014

La chiesa di San Michele Arcangelo a Montefalcone Appennino

In largo del Concordato a Montefalcone Appennino, sopra uno strapiombo roccioso, si trova la chiesa di San Michele Arcangelo, ricostruita nel 1821-24 sull’antica parrocchiale dei Santi Michele Arcangelo e Pietro dal Comune di Montefalcone, grazie ai 3.000 scudi donati dal montefalconese Livio Palmoni, cocchiere di papa Pio VII.
L’interno è a croce greca, con cupola emisferica all’incrocio dei bracci. La chiesa ha quattro cappelle laterali: solo due però sono aperte. Le altre, per l’appunto, sono chiuse. Dietro l’altare maggiore è collocata la tela centinata raffigurante San Michele Arcangelo (xviii secolo).
Nel 1822-24 il pittore don Giuseppe Toscani decorò le pareti dell’interno. Lungo gli arconi delle cappelle sono le figure del Redentone e delle tre Virtù Cardinali: Fede, Speranza e Carità. Nei pennacchi della cupola l’artista raffigurò gli evangelisti. Nei lati del presbitero sono due dipinti rappresentanti l’Ultima Cena e l’Adorazione dei Pastori




martedì 29 aprile 2014

Il Polo museale “Palazzo Felici” di Montefalcone Appennino

Palazzo Felici (XVIII secolo) a Montefalcone Appennino ha doppio accesso sul prospetto principale. Nel prospetto inferiore restano le sagome dei vecchi archi portanti. Nell’androne è collocato lo stemma della famiglia Felici. Nel piano nobile le superfici murarie sono decorate da grottesche. Nel secondo piano erano i locali della servitù.
L'edificio è la sede del Polo museale “Palazzo Felici”, nel quale è allestito il  Museo dell'Alamanno dov'è esposto un polittico realizzato negli anni 1470-75 per la chiesa dei Minori Osservanti di San Giovanni Battista a Montefalcone Appennino dal pittore crivellesco Pietro Grill, conosciuto come Pietro Alamanno (Furth bei Göttweig, tra il 1430 e il 1440 – Ascoli Piceno, 1498).

lunedì 28 aprile 2014

Palazzo Vitali, o Raccamadori, a Fermo

Palazzo Vitali, già Sansoni Raccamadori, in piazza del Popolo a Fermo, venne realizzato nell'ultimo quarto del xviii secolo dall'architetto Pietro Augustoni (Como, 1741 – Fermo,  1815), su un progetto attribuito a Luigi Vanvitelli (Napoli, 1700 – Caserta, 1773)[1]. Un'attribuzione, seguita dalla maggior parte della storiografia locale, da respingere però, riportando il progetto all'architetto Pietro Augustoni.
Trascrizione dell'iscrizione del 1712
L'attuale costruzione venne realizzata rimaneggiando un precedente edificio del 1712, commissionato dall’abate Ludovico Sansoni, su un palazzetto iniziato nel 1585 da Vincenzo Sansoni, ma presto lasciato incompiuto, come attesta una lapide perduta ma conosciuta da una trascrizione fattane da Gaetano De Minicis[2]. Scrive quest'ultimo, nella nota corrisponde, che l'iscrizione "Videsi sopra l’arco del portico della piazza, il quale da l’ingresso principale al palazzo una volta Sansoni Raccamadori. Ne fu tolta dopo che lo acquistarono i figli ed eredi di Alessandro Vitali odierni proprietari". 

domenica 27 aprile 2014

La chiesa di San Marone a Monteleone di Fermo

La chiesa di San Marone a Monteleone di Fermo, eretta per il convento degli agostiniani, soppresso nel 1652, nel 1669 aveva il titolo di Santo Stefano. Nel 1844 l'edifico era chiuso per restauri non ancora realizzati. Il presbiterio, retto da due pilastri nella cripta sottostante, venne probabilmente costruito di lì a poco. Nel 1925 vennero iniziati lavori di ammodernamento, che proseguirono fino al 1930. In quegli anni venne realizzata l'attuale volta della navata. Negli anni ’60 del secolo scorso, il campanile, utilizzando i mattoni della demolita chiesa rurale di San Marone (dalla quale prese il titolo l'edificio).

In facciata sono due cornici di forma quadrata a rilievo, disposte in maniera simmetrica rispetto al portale. Sopra a questo è aperto un piccolo oculo, realizzato negli anni 1925-30 chiudendo una precedente finestra rettangolare.

sabato 26 aprile 2014

La chiesa di Sant'Antonio di Padova a Montefalcone Appennino


La chiesa di Sant'Antonio di Padova a Montefalcone Appennino, venne eretta nel 1622 come cappella privata dei principi Orsini. Nel 1980, a seguito di un terremoto, la volta venne sostituita da capriate lignee.

venerdì 25 aprile 2014

Frazione Curetta di Servigliano e la chiesa di Santa Maria delle Piagge

Frazione Curetta deve il suo nome alla cura parrocchiale istituita nel 1783 nella chiesa di Santa Maria delle Piagge, realizzata nel 1702. Quando l’arcivescovo di Fermo Andrea Minucci eresse l'edificio a parrocchia vennero commissionati lavori di ampliamento, affidati all’architetto Luigi Paglialunga. Nel 1818 sono attestati lavori al campanile. La costruzione, restaurata negli anni 1982-88, venne dedicata alla Madonna della Consolazione nel 2000.

giovedì 24 aprile 2014

La chiesa di San Biagio, o dell'Addolorata, a Monte San Pietrangeli


La chiesa di San Biagio, o dell'Addolorata, in borgo Regina Margherita a Monte San Pietrangeli, realizzata tra la fine del XVIII secolo e l'inizio del XIX secolo, ha facciata a timpano triangolare, compresa entro due lesene angolari. Il cornicione marcapiano partisce il prospetto in due ordini. 

mercoledì 23 aprile 2014

La chiesa del Santissimo Crocifisso a Monterubbiano

La chiesa del Santissimo Crocifisso di Piano Nuovo a Monterubbiano, fatta costruire dal 1595 al 1600 dal Comune di Monterubbiano e da monsignor Paolo Pagani, ha  facciata incompiuta, preceduta da un atrio porticato formato da tre archi ad arco a tutto sesto. 

lunedì 21 aprile 2014

Il trittico con lunetta di Vittore Crivelli nella chiesa di San Michele Arcangelo a Sant'Elpidio Morico (frazione di Monsampietro Morico)

Nella chiesa di San Michele Arcangelo a Sant'Elpidio Morico (frazione di Monsampietro Morico) è conservato un trittico, proveniente dalla non lontana chiesa di Sant'Elpidio (da tempo chiusa), rappresentante la Madonna adorante il Bambino e i santi Elpidio [protettore di Sant'Elpidio Morico] e Sebastiano [protettore contro la peste], dipinto nel 1496, anno di pestilenza, stando alla Cronaca di Antonio di Nicolò, da Vittore Crivelli (Venezia, 1430 circa – Marche, 1494-1495). Nella lunetta è raffigurato il Cristo emergente dal sepolcro

domenica 20 aprile 2014

La chiesa di Sant'Angelo a Montegiorgio


In frazione Piane di Montegiorgio troviamo la chiesa di Sant'Angelo in Montiliano
Nel 967 è attesta la corte di Sant’Angelo «in loco qui vocatur Murgianum [contrada Margiano]». Dalla lista dei beni usurpati a Farfa redatta intorno al 1070 dal preposto Gregorio di Catino, sappiamo che i figli del conte Giberto possedevano l’ecclesia in honore Sancti Angeli iuxta Tennam. Nel 1195 il vescovo di Fermo Presbitero cedette 
l'edificio a Baroncello, preposto di Santa Maria in Georgio (attuale chiesa di San Francesco a Montegiorgio, una prepositura istituita dai Farfensi nell'XI secolo)

sabato 19 aprile 2014

La chiesa di San Giovanni Battista a Grottazzolina

La chiesa di San Giovanni Battista, in piazza Umberto I a Grottazzolina, venne fatta ampliare nel 1684 da Giovan Battista Silotti, parroco negli anni 1682-1731. Nel 1725, presente l’arcivescovo di Fermo Alessandro Borgia, venne posta sotto l’altare maggiore un’urna dorata con il corpo di sant’Angelica vergine e martire. 

venerdì 18 aprile 2014

Breve storia della costruzione del Palazzo comunale di Grottazzolina


Il Palazzo comunale di Grottazzolina, in corso Vittorio Emanuele II, venne realizzato entro il 1926 in stile neoromanico su progetti dell'ingegnere Bruno Nunzi. Nella seduta del Consiglio comunale del 1923 erano stati anticipati i compensi per il progetto dell'edificio, affidato in appalto nel 1925 alla cooperativa l’Edile di Grottazzolina, diretta da Elpidio Elpidi. 

giovedì 17 aprile 2014

La chiesa della Madonna delle Grazie a Belmonte Piceno

La chiesa della Madonna delle Grazie a Belmonte Piceno è attestata fin dalla seconda metà del xvi secolo. L’edificio venne eretto inglobando un dipinto murale raffigurante la Madonna col Bambino, posto nel muro esterno di un’abitazione privata. La chiesa venne ricostruita nel 1685. Un restauro alle murature venne realizzato nel 1952, a causa delle lesioni provocate dal terremoto dell'anno precedente.

mercoledì 16 aprile 2014

La chiesa di Santa Maria delle Grazie a Francavilla d'Ete



La chiesa di Santa Maria delle Grazie, in contrada Madonnetta a Francavilla d'Ete, venne eretta nella prima metà del xvi secolo. La scaletta esterna che dà accesso all’edificio è del secolo scorso. Il campanile è a vela.

martedì 15 aprile 2014

La chiesa della Madonna del Buon Consiglio a Fermo



L'Annunciazione nella lunetta
La chiesa della Madonna del Buon Consiglio a Fermo, lungo la strada Castiglionese, edificata nel 1479, è chiusa da tempo. 

lunedì 14 aprile 2014

La chiesa di San Francesco a Montottone

La chiesa di San Francesco a Montottone, eretta entro la metà del xiii secolo, è poco fuori dall'abitato. L'edificio, ingrandito, venne consacrato nel 1360 dal vescovo di Osimo monsignor Pietro II. La costruzione, restaurata nel 1706 (data incisa sull’archivolto del portale), venne riaperta nel 1763.

domenica 13 aprile 2014

La chiesa di Sant'Isidoro a Monte Urano

La chiesa di Sant'Isidoro a Monte Urano nel xvi secolo era dedicata alla Madonna della Neve. L'edificio è chiuso dalla fine degli anni ’60 del secolo scorso.

sabato 12 aprile 2014

La chiesa di Santa Maria dell’Olmo a Moresco

La chiesa di Santa Maria dell’Olmo a Moresco, eretta probabilmente, ritengo, nei primi anni del XVI secolo, per racchiudere un'edicola dov'era, forse un'immagine della Madonna col Bambino. L'edificio, ampliato nel 1521, passò in quell'anno all'amministrazione della Confraternita del Crocifisso.
La facciata, entro contrafforti angolari, è preceduta da porticato retto da pilastri. Il prospetto, tripartito da lesene, è aperto da portale architravato. I fianchi dell'edificio sono percorsi da lesene.

giovedì 10 aprile 2014

La chiesa di Santa Maria e San Marco a Ponzano di Fermo


La chiesa di Santa Maria e San Marco a Ponzano di Fermo, realizzata nel 1792 dalla Confraternita del Santissimo Sacramento e Rosario, ha facciata, tripartita da lesene, aperta da portale a timpano curvilineo.

mercoledì 9 aprile 2014

I viali di Fermo

Per raggiungere piazza del Popolo a Fermo, il tragitto più facile è quello che, da piazza Dante, quasi sotto l’abside della chiesa di San Francesco, prendendo, via Roma, raggiunge, dopo un curva a gomito, via Trevisani. Da qui, proseguendo per viale XX Settembre, arriviamo a un curva a U, dalla quale parte viale Vittorio Veneto che porta in largo Temistocle Calzecchi Onesti, da dove entriamo, attraverso il passaggio del Palazzo comunale, in piazza del Popolo. 

martedì 8 aprile 2014

Porta San Giacomo ad Amandola

Porta San Giacomo
Porta San Giacomo ad Amandola, realizzata nel 1863, al posto di quella demolita durante i lavori degli anni 1836-37 in piazza Risorgimento, ha facciata ripartita in due parti da cornice marcapiano. L'arco a sesto acuto ha doppia ghiera sopra lesene.
Nella parte superiore del prospetto, in forme barocche, è collocato un orologio circolare, già nella torre campanaria della chiesa di Sant'Agostino

lunedì 7 aprile 2014

La chiesa di San Vito a Monte Vidon Corrado

In piazza Cesare Battisti a Monte Vidon Corrado, troviamo la chiesa di San Vito, realizzata entro il 1765 in forme neoclassiche. Negli anni 1952-54 venne realizzata l'attuale volta a tutto sesto dell'interno. Nel 1960 Elis Romagnoli, nato a Morrovalle nel 1925, realizzò le pitture di due cappelle, quelle più vicine al presbiterio. 

domenica 6 aprile 2014

La chiesa di San Michele Arcangelo a Montegiorgio

La chiesa di San Michele Arcangelo, in corso Italia a Montegiorgio, venne eretta nel xiii secolo. Nel 1770  il preposto Antonio Minnozzi promosso un radicale restauro dell’edificio. I lavori, iniziati sotto la direzione dell’architetto Gaetano Maggi, ammodernarono l'edificio in forme barocche. 

sabato 5 aprile 2014

La chiesa dei Santi Lorenzo e Nicola di Bari a Moresco

La chiesa dei Santi Lorenzo e Nicola di Bari a Moresco venne eretta entro il 1836, al posto di quella di San Francesco Borgia, edificata nel 1703, per sostituire la chiesa di Santa Maria in Castro, chiusa nei primi anni del xix secolo, in quanto insalubre a causa delle esalazioni delle sepolture dell'interno.

venerdì 4 aprile 2014

La chiesa di San Lorenzo a Moresco

La chiesa di San Lorenzo a Moresco era utilizzata per sopperire alla mancanza di spazio per le inumazioni nella chiesa di Santa Maria in Castro (in parte demolita, all'interno dell'abitato). Tuttavia, dal 1869, quando Moresco venne aggregato a Monterubbiano, per le sepolture venne utilizzato il Cimitero di quest’ultimo comune.

giovedì 3 aprile 2014

La fonte di Mosè a Torre di Palme (frazione di Fermo)


Poco fuori dall'abitato di Torre di Palme (frazione di Fermo), troviamo una fonte, detta di Mosè, realizzata nel 1787, come attesta la data incisa su una formella rettangolare murata nella mostra triangolare in laterizi, sopra la cannella dell’acqua. Quattro vasche, davanti a un paramento murario in pessimo stato di conservazione, sono collocate sulla sinistra della fonte. 

mercoledì 2 aprile 2014

Breve storia della chiesa di Santa Caterina d'Alessandria dei conti Maggiori a Fermo


Nella zona Paludi a Fermo, a non più di due chilometri dall’abbazia di San Marco, troviamo una piccola chiesa dedicata a Santa Caterina d'Alessandria, annessa all’ex casino di caccia dei conti Maggiori, fatta costruire nel 1754 da Caterina Maggiori.

martedì 1 aprile 2014

La chiesa di Santa Maria a Ortezzano


La chiesa di Santa Maria, in piazza Umberto I a Ortezzano, venne eretta nella seconda metà del xv secolo al posto di una cappella votiva dedicata alla Madonna delle Grazie. L’edificio, riedificato nel 1585, come attesta l'iscrizione murata nel prospetto: te(m)plum hoc aedi- / ficatum fuit xii / februarii mdlxxxv t(e)mp(us) aevo, venne ampliato nel 1730.