domenica 11 maggio 2014

Lo stemma di Fermo di Oliviero Spinucci del 1630

In una mappa della città di Fermo, disegnata nel 1630, è rappresentato lo stemma cittadino: uno scudo inquartato con croce patente sulla sinistra nel primo e quarto e con aquila nera, coronata con le ali aperte e zampe spiegate, nel secondo e terzo. 
Sopra lo scudo troviamo un elmo in profilo rivolto a destra, sormontato da corona di conte, o marchese, in riferimento alla comitato fermano, istituito dai Franchi (poi Marca fermana). Dalla quale esce un braccio che tiene in mano una palla che indica il distintivo del Mero et mixto imperio (Mero e misto imperio), potere di giudicare tanto nelle cause civile che in quelle penali sui tutto il territorio di competenza della città, un modo per ricordare l'ampia autonomia che aveva il Fermano, nell'ambito dello Stato pontificio, fin dai tempi dell'impero di Carlo Magno

Nessun commento:

Posta un commento